Password dimenticata?
ISCRIVITI

La canapa: una pianta curativa dalle mille proprietà

di Luca Deias
TAG Agricoltura Ambiente Salute e alimentazione
1 aprile 2019

La canapa tra alimentazione, salute e agricoltura: cosa ci racconta questa pianta dalle infinite risorse? Ricca di proprietà nutritive, preziosa coltura da un punto di vista agricolo, fondamentale pianta curativa e terapeutica. Ce ne parla Elda Viletto, biologa e specialista in scienza dell’alimentazione che sta diffondendo da anni la cultura della canapa come alimento salutistico.

Continua il ciclo di appuntamenti dell’associazione Let Eat Bi dedicati alla tradizione enogastronomica locale e alla condivisione dei saperi.
L’argomento cardine è la canapa, topic che verrà approfondito attraverso differenti chiavi di lettura: la prima ci parla della “canapa come alimento e canapa terapeutica, un importante strumento per la salute” e vedrà la partecipazione di Marco Bertolotto, direttore del Centro di Terapia del Dolore dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure e uno dei primi medici in Italia ad utilizzare cannabinoidi in terapia, e della dottoressa Elda Viletto, biologa e specialista in scienza dell’alimentazione. Quest’ultima, inoltre, sta diffondendo da anni la cultura della canapa e la prescrive ai suoi pazienti come alimento salutistico.

Il secondo approfondimento, invece, si focalizzerà sulla canapa in agricoltura e avrà come relatore Roberto Revello di Green Italy.

“La canapa – ci racconta Elda Viletto – è una pianta meravigliosa che, nel corso della storia, ha sempre accompagnato l’umanità, usata sia modo terapeutico sia rituale. Questa e, in particolare, i farmaci cannabinoidi da essa derivati, sono oggetto di attenzione sui media specialmente per quanto riguarda l’aspetto terapeutico, poiché la canapa viene indicata – da studi di letteratura medica e da esperienze cliniche – come efficace nella terapia del dolore e nel contrastare alcune delle malattie più severe del nostro tempo, come le neurodegenerative e le malattie metaboliche, diabete ed arteriosclerosi”.

La canapa, come spiegato dalla nutrizionista, è entrata nella farmacopea ufficiale italiana fin dal 2007 – prodotta dallo Stato Italiano presso lo Stabilimento Farmaceutico Militare di Firenze – ed è entrata nella legislazione con vari decreti. La Regione Piemonte ha emanato la Legge Regionale n. 11 del 15 Giugno 2015, riconoscendone le seguenti principali indicazioni terapeutiche: “È utile – argomenta Elda Viletto – come analgesico in patologie che implicano spasticità associata a dolore, come la sclerosi multipla o le lesioni del midollo spinale resistenti alle terapie convenzionali. Ma non solo: è valida contro il dolore neurogeno che può essere provocato dal cancro; in quest’ottica, ha un effetto antiemetico per nausea e vomito (causati da chemioterapia) e stimola l’appetito in pazienti oncologici e in chi ha un’anoressia nervosa”.

A questo proposito, il dottor Marco Bertolotto, in qualità di direttore del Centro di Terapia del dolore dell’Ospedale Santa Corona di Pietra Ligure, potrà illustrare la sua ampia casistica. La canapa, come si evince dal titolo dell’incontro, è anche ottima come alimento: “È da considerare un ‘superfood’ – aggiunge la specialista – poiché la farina e l’olio di canapa sono utili nella prevenzione del diabete e delle malattie cardiovascolari.

Gli usi sono comunque ampi, vanno dalla cosmetica alla bioedilizia. Questa pianta, inoltre, può diventare una leva per lo sviluppo di un’economia sostenibile”.

Elda Viletto ci racconta l’importanza della coltivazione della canapa sul territorio piemontese: “Ci interessa la canapa in quanto coltura storica ed ecosostenibile. Con l’ex associazione Orto Etico* in collaborazione con l’associazione Duchessa Jolanda di Moncrivello, da me fondata, a partire dal 2013 ha avuto avvio un movimento che ha portato alla creazione di una filiera ecosostenibile e salutistica, nel quale Green Italy ha avuto una parte fondamentale, perché è arrivata al prodotto finale, completando tale filiera”.

L’associazione culturale Duchessa Jolanda, nello specifico, promuove la coltivazione della canapa per le sue proprietà che tutelano l’ambiente: è una coltura biologica, auto-diserbante, arricchisce il terreno ed è in grado di contribuire a contrastare l’effetto serra per la grande capacità di assorbimento dell’anidride carbonica.

La specialista conclude con un riferimento all’Organizzazione Mondiale della Sanità: “L’OMS nel piano strategico 2014-2023 raccomanda agli stati di sostenere le medicine tradizionali, in quanto funzionali alla salute dei cittadini.

In quest’ottica – spiega – quale pianta, se non la canapa, rappresenta al meglio tutto questo? È conosciuta fin dal Neolitico ed è stata utilizzata come medicinale in popoli di tutto il mondo. Oggi i cannabinoidi possono essere utilizzati solo su stretto controllo medico. Io, come nutrizionista che prescrive prodotti a base di canapa, posso affermare di aver sempre riscontrato nelle persone che li utilizzano miglioramenti degli esami del sangue (nei valori di colesterolo, trigliceridi e glicemia), premessa indispensabile sulla via della guarigione dalle malattie metaboliche”.

Per chi volesse approfondire l’argomento, gli appuntamenti sulla canapa avranno luogo il 4 e l'11 aprile a partire dalle ore 20.00 a Cittadellarte (BI). Per prendere parte ai due eventi è necessario scrivere una email a leteatbi@cittadellarte.it o un messaggio al numero 348.2106708, mentre la scadenza delle prenotazioni per il primo appuntamento è fissata per il primo aprile.

Foto copertina
Didascalia: Canapa
Autore: Unsplash
Licenza: CCO Creative Commons

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che Cambia Biella Città Creativa tutorial&faq 5x1000

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK