Password dimenticata?
ISCRIVITI

Il Mercatino di Let Eat Bi - L'azienda agricola Ca' nel bosco

di Luca Deias
TAG Ambiente Imprenditoria Salute e alimentazione Viaggiare
14 febbraio 2019

Riprendiamo il percorso alla scoperta del mercatino di Let Eat Bi. Conosciamo oggi gli allevatori Barbara Depedri e Giampaolo Rossi dell'azienda agricola di Portula (Biella), che ci svelano storie e peculiarità della loro eccellenza: i formaggi di capra.

Continua il viaggio alla scoperta dei partner Let Eat Bi che tutti i mercoledì mettono in vendita le proprie specialità nel mercatino di Cittadellarte. Questa settimana è la volta dell’azienda agricola Ca’ nel Bosco.

Quando la natura e l’amore per il verde cambiano non una, ma due vite: questa è la storia dei milanesi Barbara Depedri (originaria di Trento) e Giampaolo Rossi (originario di Verona), ex dipendente di una multinazionale e di una casa editrice la prima, ex odontotecnico il secondo, che hanno lasciato le mura dei loro uffici per passare al verde della campagna. Un salto geografico e cromatico che li ha portati alla vita da allevatori in frazione Gila, a Portula, dove, hanno aperto la ‘Ca’ nel bosco’. Come si evince dal nome dell’azienda agricola, la struttura è immersa nella natura ed è ubicata a pochi chilometri dall’area naturalistica Oasi Zegna. Tra i servizi offerti alla clientela figurano anche quelli del pernottamento e della cucina, siccome si tratta anche di un agriturismo. Il ristorante, nello specifico, propone piatti di cucina naturale, casalinga e tradizionale, in un mix di genuinità e accoglienza. “Abbiamo pochi posti a sedere – spiegano – ma i nostri clienti sono come ospiti invitati a casa nostra, in un clima familiare e caldo”. Oltre alle specialità culinarie artigianali, è possibile alloggiare in tre stanze, quella dei rododenri, delle ortensie o delle orchiedee, per un’esperienza unica di relax e a contatto con la natura.

Passando alle peculiarità dell’azienda agricola, sono le capre la vera eccellenza: “Oltre ai conigli e alle galline, attualmente – spiegano – alleviamo 32 Saanen bianche e il latte da loro prodotto viene trasformato in formaggi. Questi hanno tutto il bollino CE (marchio europeo che permette di venderlo ovunque previa analisi mensile del latte e annuale del formaggio). Lo proponiamo anche in città o fiere italiane, come a Milano, a Golosaria ad Alessandria, nei mercatini della Coldiretti e di Slow Food”. Produzioni apprezzate anche al di fuori del biellese quindi, che fanno della qualità e della varietà i propri punti di forza: “Da noi – raccontano – si possono acquistare bresaole, salami e formaggi di capra freschi e stagionati. Ne produciamo di 14 particolari tipologie: uno che ricorda il Taleggio, che noi chiamaiamo Capreggio; uno dal gusto simile alla fontina a cui abbiamo dato il nome di Morbidoso; uno con lo zafferano, usando quello di Coggiola; uno avvolto nelle foglie di verza; uno pepato; uno con noci e miele; uno coi pistacchi; un ‘grana’ di capra; uno con la trebbia della birra del Birrificio Jeb. Oltre a questi, non mancano il brie e la robiola e, proprio di quest’ultima, vorremmo realizzare una varietà: un formaggio a cuore morbido, con il miele in mezzo”.

La sostenibilità e la qualità contraddistinguono il lavoro dei due allevatori, che allevano le capre con un fieno biologico e con uno speciale mangime non OGM. : “Gli animali – affermano – sono la nostra ricchezza e sono seguiti minuziosamente. Tutti sono coccolati e, anche se stallati, vivono liberi”. Barbara e Giampaolo investono tempo ed energie anche in una ricerca delle materie prime del territorio, in una rete di eccellenze con aziende agricole che ne condividono la filosia sostenibile: “I nostri formaggi – argomentano – non contengono conservanti. Anche il latte che vendiamo non ha subito alcun trattamento dannoso e ha una carica batterica bassa. Abbiamo un caseificio piccolo e lavoriamo sempre il latte fresco (quest’anno abbiamo ne abbiamo prodotto circa 14mila litri). Rispetto a quello di mucca, anche se ha proprietà simili, risulta più digeribile”.

I due allevatori proseguono focalizzandosi su Let Eat Bi: “Da poche settimane veniamo al mercatino. Abbiamo già constatato che è una buona occasione per tutti i consumatori che ricercano la qualità e la genuinità dei prodotti, non acquistabili nei supermarket”. Barbara e Giampaolo concludono soffermandosi sulla loro ‘professione 2.0’: “L’inizio del lavoro alla Ca’ nel Bosco è stato un cambio di vita. Abbiamo condiviso la stessa passione per le cose semplici, con giornate meno frenetiche e cittadine. Ha vinto la la passione per la natura e l’amore per la montagna: il nostro sogno nel cassetto si è realizzato”.

Foto copertina
Didascalia: Capre Ca' nel Bosco

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che Cambia Biella Città Creativa tutorial&faq 5x1000

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK