Password dimenticata?
ISCRIVITI

Il Mercatino di Let Eat Be-L’Orto d’Asporto

di Luca Deias
TAG Agricoltura Imprenditoria Salute e alimentazione Sostenibilità ambientale
29 maggio 2018

Questa settimana vi proponiamo la quarta tappa del percorso alla scoperta del mercatino di Let Eat Bi: protagonista dell'articolo l'azienda agricola "L'orto d’asporto". I punti cardine dell'attività - che segue il metodo Manenti - sono: sostenibilità ambientale, stagionalità dei prodotti, verdure a chilometro zero e il non utilizzo di fertilizzanti.

Continua il viaggio alla scoperta dei partner Let Eat Bi che tutti i mercoledì mettono in vendita le proprie specialità nel mercatino di Cittadellarte. Dopo aver messo sotto i riflettori Il frutteto di Bersej, Oro di Berta e Riunci Insù, questa settimana è la volta de L’orto d’asporto. Si tratta di un’azienda agricola di Cerrione a Biella, situata in via Kennedy 48 nella frazione di Vergnasco, che è gestita da Federico Zegna, titolare, e dalla moglie Laura Formagnana. L’attività propone ortaggi di stagione coltivati con il massimo rispetto dell’equilibrio naturale del terreno e dell’ecosistema che lo compone. La cura totale per l’ambiente e le coltivazioni, infatti, contraddistingue il lavoro della coppia: Federico e Laura non utilizzano fertilizzanti, né chimici né organici. Gli unici trattamenti che effettuano provengono da derivati naturali, ammessi nell’agricoltura biologica.

Altri punti forti de L’orto d’asporto sono la freschezza degli ortaggi e la sostenibilità: “Le nostre verdure – spiega il titolare – sono raccolte in giornata per garantire un prodotto fresco e ricco di nutrienti. Cerchiamo, per quanto possibile, di venderle entro 12 ore dalla raccolta. Le giovani piantine, inoltre, crescono in cubi di torba posti in semenzaio, senza l’utilizzo di contenitori di plastica. Una volta cresciute, vengono trapiantate in serra o all’esterno a seconda della necessità. La nostra agricoltura è concepita per avere un basso impatto ambientale, l’irrigazione avviene a caduta, senza l’ausilio di energia elettrica o pompe, con il metodo goccia a goccia, recuperando acqua piovana o attingendo da un pozzo poco profondo”. Un innovativo lavoro a 360 gradi quindi, incentrato su ogni fase della produzione, dalla selezione dei semi, alla crescita delle piante fino alla raccolta manuale.

L’Orto da Asporto si ispira al filosofia dell’azienda Manenti: “Nel tempo – spiega Zegna – abbiamo approfondito svariati metodi: biologico, permacultura, agricoltura sinergica e biodinamica. La vera svolta, però, è arrivata quando abbiamo conosciuto e approfondito, facendo un corso ad hoc, il lavoro all’azienda agricola Manenti. ll metodo che utilizziamo per lavorare il terreno cerca di interferire il meno possibile con l’ecosistema, permettendo ai microorganismi che lo compongono di proliferare e di interagire con i vegetali che coltiviamo creando un ambiente sinergico utile allo sviluppo di piante sane, rigogliose e produttive. La strada è ancora lunga, sono numerosi gli aspetti che desideriamo migliorare, ma questo metodo è sicuramente quello più vicino a noi, un’agricoltura senza aggiunte che rispetta la terra e il suo equilibrio”.

L’impronta del metodo Manenti si vede, eccome. L’orto d’asporto riesce a coniugare sostenibilità, produzioni a km 0 e stagionalità del prodotto, tutto proponendo eccellenze locali. In tema di cibo sano e locale, inoltre, è arrivata la partnership con Let Eat Bi: “Da poche settimane siamo presenti al mercatino, per noi è una novità. Credo, però, che sia una collaborazione molto positiva, perché reputo ottimo avere uno spazio comune dove offrire prodotti di specifiche realtà biellesi in centro città”. L’orto d’asporto non si ferma qui, i titolari sono pronti a lanciare alcune novità: “In futuro produrremo anche trasformati dai nostri ortaggi, come le passate di pomodoro. Vi aspettiamo – concludono – al mercatino; a breve offriremo anche i nostri pomodori e pomodorini, che sono tra gli ortaggi più apprezzati dalla nostra clientela”.

Foto copertina
Didascalia: prodotti de L'orto da asporto
Autore: Pagina Fb "L'orto d'asporto"

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che Cambia Biella Città Creativa tutorial&faq 5x1000

Internet inquina quanto l’intera
aviazione civile mondiale.
Per questo il nostro hosting è
a Emissioni Zero.

Scegli anche tu Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

un progetto di
Exe

Certificato Green Cloud

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK