Password dimenticata?
ISCRIVITI

Le storie

#33 - L’artista di quartiere che fa della periferia un’Opera Viva

Arte e cultura

di Lorena Di Maria - 17 maggio 2018

Trasformare il bar sotto casa o il negozio dietro l'angolo in luoghi che accolgono l'arte, per renderla accessibile a tutti e per favorire l'integrazione e le relazioni sociali. Questo l'obiettivo del progetto "Opera Viva" nato dalla volontà di Alessandro Bulgini di mettere l'arte a servizio del territorio. Tra le numerose iniziative dell'“artista di quartiere" vi è quella riguardante il condominio di via Cuneo 5 bis situato nel quartiere Aurora nella periferia nord di Torino.

Il condominio di Via Cuneo 5 bis a Torino non è un semplice stabile come tanti altri che popolano le nostre città. Sbirciando oltre il portone ci si accorge fin da subito che arte, cultura e comunità sono gli elementi rappresentativi di questo luogo. Il progetto, localizzato nel quartiere Aurora nella periferia a nord di Torino, prende avvio nel 2012 ed è il risultato di un percorso di collaborazione tra Andrea Quarello, architetto ed amministratore del condominio, e l’artista Alessandro Bulgini.

L’intervento condotto nel condominio di via Cuneo rappresenta una delle numerose iniziative che il progetto “Opera Viva” si pone. Quest’ultima nasce come scommessa di Alessandro Bulgini di mettersi al servizio dei territori, che riconosce le potenzialità del preesistente e vedendo in questo delle opportunità. Il progetto prende il nome dalla grande passione dell’artista di origini pugliesi per il mare. Come egli racconta, una parte dell’imbarcazione si chiama “Opera Viva” e corrisponde alla parte sommersa dell’imbarcazione. Attraverso un gioco di parole, egli crea un collegamento diretto tra il concetto di opera d’arte e tutto ciò che è sommerso e nascosto, considerando il preesistente, la lateralità ed il periferico “il motore che porta avanti il mondo”.

Nel suo stadio iniziale, il progetto si è posto come obiettivo quello di utilizzare le risorse esistenti come un bar, una casa privata, un negozio e trasformarle in luoghi dove l’arte possa essere ospitata gratuitamente e senza filtri, con una funzione artistica e di accoglienza. La visione di fondo è proprio quella di vivere la trasformazione nella sua accezione più umile, ovvero attraverso delle azioni facilmente replicabili ed in modo che chiunque abbia la possibilità di partecipare.

Il progetto iniziale prende nome di “B.A.R.L.U.I.G.I Opera Viva” ed ha una connotazione ben precisa: i “B.A.R.L.U.I.G.I” sono spazi dove si coltivano le utopie, sono il bar sotto casa, il negozio dietro l’angolo, luoghi condivisi che possono diventare delle opportunità per tutti, col solo presupposto di utilizzare ciò che è a disposizione. Il primo di questi nasce proprio in Barriera di Milano, quartiere conosciuto per la sua lunga storia operaia e di immigrazione, nonché luogo di residenza dell’artista. Prendendo nome dal proprietario del locale, egli crea un acrostico dal titolo ironico ed originale: “Base Aerospaziale Ricercatori di Luoghi, Utopie Indipendenti e Geometrie Ignote”, proprio a sottolineare la vocazione innovativa, autentica e rivoluzionaria dell’iniziativa.

Lo stabile di via Cuneo 5 bis, con la sua vivacità e dinamicità tipica di un condominio di periferia, si trasforma quindi in un vero e proprio “B.A.R.L.U.I.G.I”, in cui l’arte diventa mediatrice e parte integrante. Il progetto si pone in relazione col particolare contesto urbano in cui si trova. A detta dell’artista, attivarsi all’interno di un condominio, pur trattandosi di un luogo collettivo, comporta dinamiche molto differenti da quelle che si possono verificare in strada, in quanto ci si relaziona con una maggior riservatezza e ciò di conseguenza comporta la necessità di un’azione sensibile, attenta e rispettosa. L’iniziativa ha avuto un forte consenso da parte dei condomini che hanno da subito accettato di mettersi in gioco. Nello stabile vivono famiglie dalle diverse nazionalità che hanno intrapreso insieme agli artisti un percorso di conoscenza ed integrazione reciproca che ha permesso di dare vita ad una progressiva e crescente trasformazione del luogo non solo a livello artistico ed estetico ma soprattutto dal punto di vista sociale ed umano.

Vai all'articolo completo su Italia che Cambia

Guarda le altre video-storie!

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che Cambia Biella Città Creativa tutorial&faq 5x1000

Internet inquina quanto l’intera
aviazione civile mondiale.
Per questo il nostro hosting è
a Emissioni Zero.

Scegli anche tu Hosting Sostenibile: lo spazio ecologico del web

un progetto di
Exe

Certificato Green Cloud

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK