Password dimenticata?
ISCRIVITI

Le storie

#15 - Mag4, quando l’economia mette al centro l’uomo e non il profitto

Economia Lavoro Imprenditoria

di Roberto Vietti - 18 aprile 2017

Dagli anni settanta la cooperativa cerca di invertire questo meccanismo affermando che il credito è un diritto umano. La Mag4 finanzia attività che portano avanti un modello diverso di economia, un economia che metta al centro l’uomo e non il profitto.

TORINO - Oggi sono particolarmente incuriosito dall’incontro in programma. Sarà che sono laureato in Economia e che in cinque anni di corso di studi non mi hanno neanche accennato all’esistenza di un modello diverso da quello dominante, ma non vedo l’ora di incontrare Sara per ascoltare l’esperienza di una realtà alternativa esistente e attiva sin dagli anni settanta.

Stiamo parlando della Cooperativa Mag4 Piemonte. Ci siamo dati appuntamento nella sede della loro attività, in via Brindisi a Torino. Ho così modo di attraversare la città in mezzo pubblico proprio nelle vie che percorrevo quando andavo alle scuole superiori, a due passi dal loro ufficio. E’ stato come poter rivivere per un attimo sensazioni e momenti della mia adolescenza, che ad oggi sembrano così lontani.

Entrando, noto una bandiera “No Tav”. Mi fa accomodare in una sala accogliente e iniziamo una piacevole chiacchierata. Le chiedo di spiegarmi cos’è una Mag, immaginando di dirlo a qualcuno che non capisce nulla di finanza.

Così mi dice che MAG significa “Mutua AutoGestione”. E’ una cooperativa che si occupa di finanza etica. Le MAG sono cinque in Italia e operano in diversi territori della penisola, ognuna con la sua peculiarità. Il loro funzionamento è in realtà molto semplice.

Vi sono i soci risparmiatori, che conferiscono il denaro. Essi possono essere sia soggetti fisici che giuridici. Con i soldi raccolti vengono erogati finanziamenti a realtà giuridiche socie delle MAG e che portano avanti progetti che non danneggiano la natura, l’ambiente, le persone, la società in generale.

In sostanza si finanziano attività che portano avanti un modello diverso di economia. Un economia che metta al centro l’uomo e non il profitto. Danno finanziamenti anche a quelle realtà che normalmente non sono considerate bancabili. Il mondo delle banche funziona così: “chi ha già soldi li riceve e chi non li ha rimane fuori”. Le MAG cercano di invertire questo meccanismo affermando che il credito è un diritto umano.

CONTINUA LA LETTURA DELL'ARTICOLO COMPLETO SUL BLOG "DAI TERRITORI"

Guarda le altre video-storie!

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che Cambia Biellese che Cambia

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK