Password dimenticata?
ISCRIVITI

Le storie

#19 - Perchè il cibo non si butta! Lastminutesottocasa evita tonnellate di sprechi alimentari

Ambiente Cicli produttivi e rifiuti Economia Imprenditoria Lavoro Lavoro e imprenditoria

di Roberto Vietti - 9 maggio 2017

Una semplice e innovativa app in grado di far vincere esercenti, consumatori ed il pianeta. Il progetto si è sviluppato dall'idea di Francesco, che ha trovato un modo per evitare sprechi di cibo che altrimenti andrebbe buttato.

TORINO – Cammino verso il Politecnico di Torino. Non ricordo dove si trovi l’ingresso esatto dell’incubatore d’impresa del famoso complesso universitario. Chiedo ad un ragazzo la giusta via. E’ argentino. Andava anche lui nella stessa direzione così abbiamo modo di chiacchierare un po’ assieme. E’ da più di un anno in Italia e spera di rimanerci, si sta per laureare. Ama questa città. L’unica cosa che non gli piace è il clima. Tramite il suo sorriso, tuttavia, riesce a riscaldarmi e allo stesso modo a regalarmi un po’ di buon umore. A volte basta così poco per sentirsi meglio, più sollevati e in pace con il mondo.

Giungo così difronte alla porta d’accesso, dove Francesco mi stava aspettando. Si avverte un clima frizzante, quasi esuberante, all’interno della struttura. Ci posizioniamo all’interno di una sala riunioni a disposizione delle diverse realtà presenti, come lastminutesottocasa.

Abbiamo tempo e spazio per scambiarci pareri ed opinioni sull’avventura di questa start-up torinese. Tutto è nato per soddisfare una esigenza personale di Francesco: gli urtava vedere sprecato un sacco di cibo dai vari negozi in prossimità dell’orario di chiusura. Gli succedeva spesso di andare a comprare il pane e di chiedere ai panettieri cosa ne facevano del pane non venduto; la risposta più frequente era che veniva buttato via. Moltiplicando questo scenario per altre categorie come pasticcerie, rosticcerie, gastronomie e pensando a quante migliaia di cittadini ,con uno smartphone in tasca, vivono a due passi da ognuno di questi punti di vendita in città, l’idea è giunta nella testa Francesco.

“Se questo negoziante, potesse mandare un messaggio a queste migliaia di cittadini, ecco che risolverebbe il problema”. Il progetto, sin dal primo giorno, è stato win-win-win. Vince il negoziante che grazie a questo megafono digitale, può uscire sul marciapiede e urlare a squarcia gola al proprio quartiere: “Ho ancora questi prodotti, li sto per buttare”. Così riesce ad incassare qualcosa che altrimenti non avrebbe incassato.
“Vince il cliente, che compra un prodotto fresco a sconti del 50% – 60%, Vince il pianeta, perché così non vengono sprecate e buttate risorse inutilmente. Inoltre, per i negozianti, la novità sta nel vedere volti nuovi entrare nel punto vendita. Così il cliente scopre un nuovo negozio, conoscendo una realtà nel proprio territorio che magari sino a prima non sapeva neanche esistesse”.

CONTINUA LA LETTURA DELL'ARTICOLO SUL BLOG "DAI TERRITORI"


Guarda le altre video-storie!

0 commenti presenti COMMENTA
Biellese che CambiaTutorial e FaqEcograffi l'obiettivo nella rete dell'informazione

Benvenuto!

Benvenuto su
PIEMONTE Che Cambia!
Effettua il login dalla barra in alto oppure ISCRIVITI GRATUITAMENTE per poter accedere alla piattaforma e conoscere persone e progetti nel tuo territorio!

FACEBOOK

TWITTER

Insieme a noi

SOSTENITORI

Compagnia di San PaoloFondazione Cassa di Risparmio Biella

PARTNER

Economia SolidaleMovimento per la Decrescita FeliceSlow FoodCittà dell'arteBiellese in TransizioneSarastusEtinomiaInqubatoreSmart Cities Alto Piemonte

Per migliorare la tua esperienza sul sito, utilizziamo i cookies. OK